Proverbi a Gravina

Addou sembe penne, ste sembe la renne

Dove sempre pende (il frutto) c’è sempre la resa

Abbasce ca vinne

Abbassa il prezzo che vendi

A lavè la cape au ciucce pirde timbe iacque e sapoune

A lavare la testa all’asino perdi tempo acqua e sapone

A và scettè u sanghe da’nganne

Deve sputere il sangue dalla gola (dire la verità)

Attacche u ciucce addou voule u padrone

Fai quello che ti ordina il padrone

Ameice e compari, parlamece chioire

Amici e compagni parliamoci chiari

Agust porte iugghie e must

Agosto porta olio e mosto

Addrizze u reme quante iè tinere

Educa quando è ancora giovane

Addou stonne tropp wadde nan fesce mè dìe

Dove stanno troppi galli non fa mai giorno

Aprile mio cortese accomme so l’annate a ma fè le spese

Aprile mio cortese come sono le entrate dobbiamo fare le spese

A Pasque e Natale so ricche l furnare, anne fernute l fiste, vonne acchianne ternise moriste

A Pasqua e Natale sono ricchi i forni, sono finite le feste, vanno cercando soldi in prestito

Abbatte u firrè quannè iè call

Batti il ferro quando è caldo

Brutte ìe stete e bone l’è venute

Brutta è stata e buona gli è venuta

Ci u’mbriste ioire bune se’mbrestaine poure le megghire

Se il prestito era buono si prestavano anche le mogli

Ci nan passe la foire de Gravine boine nan aveim

Se non passa la fiera di Gravina bene non abbiamo

Ci ricchè vù devendè, vè foure e mittete ad arè

Se vuoi diventare ricco vai in campagna e ara la terra

Cì bell vù parè l’ussecidde t’và dulè

Se bella vuoi apparire devi soffrire

Chiù picche seime e chiù belle pareime

Piu pochi siamo meglio è

Ci manegge festegge

Chi maneggia festeggia

Citt citt … menz alla chiazze

Tutto in silenzio … ma in piazza si sa tutto

Ci toine nu picche de terre toine poure la uerre

Chi possiede un terreno tiene anche la guerra

Ci nan de poisce mastichele e scittele

Se non ti piace masticala e buttala via

Ci arrasce angappe

Chi critica viene a sua volta criticato

Ci la conde cotte e ci la conde crude, ci la conde fredde e ci la conde calle

Chi racconta cotta e chi racconta cruda, chi la racconta fredda e chi calda – ognuno racconta a proprio modo

Criste le foisce e luore s’accocchiene

Cristo li crea e loro si accoppiano – si incontrano

Ci m’addumanne mamme stoche meggje mù ca tanne, ci m’addumanne taite vogghie mangè arrete

Se mi domanda mamma sto meglio di prima, se mi domanda il padre voglio mangiare ancora

Ci sparte iove la megghia parte

Chi divide ottiene la parte migliore

Chernute e mazzoite

Cornuto e battuto – pieno di botte

Ci taine lengue vè in Sardegne

Chi ha la lingua và in Sardegna – và lontano

Coipe d’anne e coipe de maise damme la strenne ca ma premeise

Capodanno e capo di mese dammi la strenna che mi hai promesso

Da l’acque e do fuche scappe quanne poute

Dall’acqua e dal fuoco scappa appena puoi

Fè boine e scurde fe moile e pinze

Fai del bene e dimentica fai del male e pensaci

Febbroire assutte massoire ricche

Febbraio asciutto massaro ricco

Figghie e nepoute acciocche fè iè perdute

Figli e nipoti quell che fai è perduto – non è riconosciuto

Iacque e zappodda fascene fè le cepodde

Acqua e zappetta fanno crescere le cipolle

Iunge l’asse ca la route camine

Ungi la ruota se vuoi andare avanti

Iereme seroure e froite a la tavele de toite, toite na’ ge stè chiù, ognune tire l’acque ò puzze su

Eravamo fratelli e sorelle alla tavola di Papà, Papà non c’è più, ognuno tira l’acqua al pozzo suo

Ioune iè tende e l’alte iè calloire

Uno è tinta l’altro è caldaia (sono alla pari)

Iacchie sembe la pezze a choloure

Trova sempre una giustificazione

L’ucchie du padroune’ngrasse u cavadde

L’occhio del padrone ingrassa il cavallo

L’altezze iè mezza bellezze

L’altezza è mezza bellezza

La fertoune iè amande de le fisse

La fortuna è amante degli stupidi

Le uè de la pegnoite le soipe la cucchioire

I propri guai li conosce solo chi li subisce

La cere se strousce e la breggessione na’ngammeine

La cera si consuma e la processione non cammina

L’acidde pisce ù litte e u cule iove mazzoite

Tizio compie una brutta azione Caio ne paga le conseguenze

Le chiacchiere so chiacchiere le cavatidde iegnere la vendre

Le chiacchiere sono chiacchiere i cavatelli riempiono la pancia

L’omene’nzuroit stè minze’nguaite

L’uomo sposato sta mezzo rovinato

L’acque can a chiouve n’gile stè

L’acqua che nn piove è sempre in cielo

Mazze e panelle fascene le figghie belle, poine senza mazze fascene le figghie pazze

Mazza e pane fanno i figli educati, pane senza mazza fanno i figli pazzi – disubbidienti

Me stouche a mangè de coipe

Mi girava la testa per risolvere il problema

Nudde chiande e nudde mange

Niente pianti e nulla mangi

La simpatìe iè parende alla iocce

La simpatia è parente alla paura

Nu picche a pedoune na foisce moile a nescioune

Un po’ per ciascuno non fa male a nessuno

Na mamme e n’attene cambene cinde figghie, cinde figghie na cambene na mamme e n’attene

Una mamma e un padre allevano cento figli, cento figli non riescono a sostenere una madre e un padre

Nù spavinde voile pe cinde

Uno spavento vale per cento

Na mamme e na figghie trasene inde a la vendre de nu cunigghie, na seroie e na noure na trasene inda la vendre de nu vouve

Una madre e una figlia entrano nella pancia di un coniglio, una suocera e una nuora non entrano nella pancia di un bue

O si iacque o si mire

O sei acqua o sei vino – identità

O chiouve o ammeneu vinde semenisce quanne iè u timbe

O piove o tira vento semina quando è tempo

Ognessande, tutte le zippe chiande

Tutti i santi (novembre) tutti gli alberi pianti

Prime u dende e po’ u parende

Prima il dente e poi il parente – pensa per te e poi agli altri

Stritte’mbitte

Stretto in petto – molto avaro

Senza spine e ne iusse

Senza spine né ossa – molto deciso

Scecoute’ngile cà mbacce te voine

Sputa in cielo, ti viene addosso – non apprezzare il benessere

Tà và pigghiè nu tocche

Ti prenda un colpo

Tà ia lescè u peile

Tà ià mbbarè e te ià perde

Ti devo imparare e ti devo perdere

Ti devo dare tante botte

Tà da luè coppele e cappidde

Ti devi sentire sempre in obbligo

U boine nan ze chiange ci nan ze perde

Il bene non si piange se non si perde

U stinge iè camme u purche iè bune doppe murte

L’avaro è come il maiale è buono dopo morto – l’eredità

U vouve disce chernoute o ciucce

Il bue dice cornuto all’asino

U penzire foisce la coise

Il pensiero, per la famiglia, forma la casa

U sparagne nan porte u uadagne

Il risparmio no porta il guadagno

U quarte stè all’ammerse

Il pensiero è al contrario – di malumore

U prime anne spusoite o maloite o’ngarciaroite

Il primo anno di matrimonio o malato o carcerato

U prime anne a coure a coure, u seconde anne a coule a coule, u terz’anne a calce’ngule

Il primo anno a cuore a cuore, il secondo anno di fortuna in fortuna, il terzo anno a calci nel sedere

Vù iesse acceise

Vuoi essere ucciso

Zeite e lutte s’allasse tutte

A nozze e lutto si lascia tutto – non mancare a nozze e lutto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...